agribike

Agribike: l'agriturismo amico della bicicletta

L'agribike è un agriturismo organizzato per mettere a disposizione degli ospiti le biciclette con cui effettuare le escursioni e/o offrire accoglienza ai cicloturisti grazie ad una capacità ricettiva adeguata. L’idea si presta anche all’attuazione di strategie di rete tra aziende con pacchetti semplici e dinamici: arrivo in uno degli agribike a scelta, si lascia l’auto in custodia e la mattina successiva dopo una colazione speciale per ciclisti si parte con la bicicletta alla volta dell’agriturismo successivo. I bagagli sono trasportati a cura del titolare dell’azienda.

Il mercato dell'agriturismo in bicicletta

Il cicloturismo è un segmento in crescita. Il giro d’affari cicloturistico è di 44 miliardi, con la Germania che, da sola, ne vale 16 come indotto di bike, hotel, negozi, officine, strutture dedicate ai turisti. Per l’Italia il cliente più interessante è quello di lingua tedesca, tre paesi in particolare: Germania, Austria e Svizzera. Inoltre, sebbene con ritardo rispetto ad altre nazioni, sono sempre di più gli enti locali impegnati nella realizzazione di percorsi ciclabili turistico-ricreativi che possono avere un potenziale di marketing interessante.

La presenza di risorse ambientali favorevoli (parchi, fiumi), la riscoperta di un itinerario storico o la presenza di una via da recuperare, quale un argine pedalabile, una strada rurale e/o declassata o un sedime ferroviario abbandonato offrono nuove opportunità di sviluppo.

Il crescente interesse da parte dei turisti per un turismo esperienzale ben si sposa con questa formula che consente di entrare in contatto con le tradizioni storiche ed enogastronomiche dei territori.

Da un'analisi dei dati forniti da FIAB ed ENIT si evince che:

  • il mercato del cicloturismo in Italia è stimabile in circa 2 milioni di cicloturisti, dei quali il 60% è straniero;
  • circa il 20% di chi sceglie una vacanza in sella alla bicicletta opta per una sistemazione presso agriturismi, è disposto a spendere fino a 40 euro per il pernottamento e mostra una grande propensione al consumo e all'acquisto di prodotti locali, specie biologici.

La struttura e i servizi da offrire

Gli appassionati del cicloturismo ed in particolare di coloro che in vacanza viaggiano sempre con la bicicletta al seguito, sono una clientela molto esigente. Ne consegue la necessità di alcuni interventi strutturali che garantiscano una serie di servizi: un deposito chiuso e coperto per le bici, possibilmente ad ingresso sorvegliato; rastrelliere con ganci ad altezza differenziata per appendere le bici, distributore d’acqua completo di bicchieri, un contenitore per rifiuti; piccola officina di manutenzione ordinaria, con banco da lavoro, set di attrezzi, compressore, pompa, …, ricambi (e una lista di quelli disponibili dal distributore locale), camere d’aria, copertoni (per riparazioni più impegnative devono essere disponibili nelle vicinanze delle officine convenzionate); spogliatoio attrezzato, docce e lavatrice (o servizio di lavanderia rapida); nei pressi dell’officina è utile approntare un angolo per il lavaggio delle biciclette con acqua corrente, detersivi, spugnette e sgrassanti ecologici.

Per una migliore ospitalità è necessario mettere a disposizione dei cicloturisti materiale informativo (anche in inglese e in tedesco) sulle risorse storiche, culturali ed ambientali della zona e cartine con percorsi ciclabili ben evidenziati, che riportino il chilometraggio e l’altimetria. E’ bene poi adottare orari di ristorazione flessibili, offrire una bevanda all’arrivo e un servizio di merenda al rientro nel pomeriggio, così come mettere a disposizione pubblicazioni, riviste e libri d’interesse cicloturistico.

Come finanziare l'agriturismo in bicicletta

I Programmi di Sviluppo Rurale (PSR), attuati dalle Regioni e finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale prevedono normalmente misure per il cofinanziamento di progetti di diversificazione dell'attività agricola. Per accedere è naturalmente necessario rispettare i requisiti previsti dai bandi. A titolo esemplificativo: qualifica di imprenditore agricolo/agrituristico, localizzazione in area rurale, investimenti conformi alle spese ammissibili.