Bando di selezione per il titolo di "Capitale italiana della Cultura" 2016 e 2017

Il Ministero dei Beni Culturali ha pubblicato il bando per la selezione della "Capitale italiana della Cultura" per il 2016 e il 2017, in seguito al grande successo ottenuto dal concorso per la "Capitale europea della Cultura" per il 2019, vinto dalla città di Matera.
Gli obiettivi del bando sono i seguenti:

  • stimolare una cultura della progettazione integrata e della pianificazione strategica;
  • sollecitare le città e i territori a considerare lo sviluppo culturale quale paradigma del proprio progresso economico e di una maggiore coesione sociale;
  • valorizzare i beni culturali e paesaggistici;
  • migliorare i servizi rivolti ai turisti;
  • sviluppare le Industrie culturali e creative;
  • favorire processi di rigenerazione e riqualificazione urbana.
Nel 2015, in prima applicazione del provvedimento, il titolo è stato conferito ex aequo alle cinque finaliste del bando per la capitale europea della cultura 2019 – Lecce, Siena, Cagliari, Perugia-Assisi e Ravenna – per non disperdere l’impegno profuso nella candidatura.

Chi può partecipare

Possono partecipare alla selezione tutte le città italiane.

Azioni ammissibili

Le città che vogliono candidarsi devono presentare un dossier che preveda una serie di interventi dalla durata di un anno finalizzati al recupero e alla valorizzazione dei beni culturali e al miglioramento dei servizi per l'informazione e l'accoglienza ai turisti.
I progetti dovranno prevedere le seguenti caratteristiche:

  • essere innovativi;
  • prevedere linee di sviluppo locale;
  • valorizzare le industrie culturali e creative e le relative filiere produttive; 
  • favorire processi di rigenerazione e riqualificazione urbana;
  • promuovere la cooperazione tra operatori culturali e turistici e la partecipazione attiva degli abitanti della città e ...

Continua...
Clausola di esclusione di responsabilità

"Finanzia la tua idea" non si assume alcuna responsabilità per imprecisioni, incompletezze o errori delle informazioni pubblicate nella sezione "Bandi". Pertanto fanno fede unicamente i testi pubblicati sulle gazzette ufficiali nazionale e comunitaria.