centro benessere

Centro benessere: la salute nell'acqua

Spa è l’acronimo di “Salus per aquam”, definizione latina che significa: "salute per mezzo dell’acqua" e sta ad indicare un centro termale, un centro benessere o un reparto/sala di un hotel dedicato al benessere del corpo.

Per Centro benessere spa si intende una o più unità operative, anche fisicamente distinte, ma funzionalmente connesse in un medesimo complesso aziendale, gestite da un unico soggetto giuridico ed in possesso di specifici requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi, in cui vengono effettuati trattamenti estetici, con tecniche bionaturali, fitness e wellness per favorire il raggiungimento, il miglioramento o la conservazione del benessere complessivo della persona.

Chi frequenta il centro benessere spa

Quasi 20 milioni di persone ogni anno frequentano centri benessere muovendo un fatturato di oltre 10 miliardi di euro. Il desiderio di mantenere il proprio benessere riguarda sempre di più tutte le classi di età e coinvolgerà nello stesso modo sia uomini che donne sostenendo la crescita di fitness, medicine alternative e chirurgia estetica. Inoltre, nei prossimi anni si affermeranno sempre più forme di consumo salutista (dalla palestra all’alimentazione, alle terme, ai beauty center, magari collegate da aree di attrazione quali centri commerciali e di intrattenimento).

Importante anche sottolineare il vantaggio che centri benessere e beauty farm presentano dal punto di vista della destagionalizzazione: non più solo strutture stagionali che limitano i loro servizi soltanto a soli tre/quattro mesi all’anno, per lo più estivi, ma che invece finiscono per essere attivi tutto l’anno anche d’inverno, al mare, in campagna o in montagna.

Centro benessere spa: i requisiti

La soluzione ideale per aprire un centro benessere è localizzarsi in aree centrali ad alta densità commerciale o in aree a forte vocazione turistica. Le dimensioni per realizzare un centro benessere importante spaziano dai 300 ai 500 mq. Servono poi cabine e macchinari tecnologicamente all'avanguardia, personale competente ed in possesso dei requisiti professionali necessari allo svolgimento dei trattamenti.

Per ciò che concerne la redditività, un centro benessere sul modello di quello qui delineato (non il piccolo centro estetico quindi) può anche sviluppare un fatturato giornaliero di 5000 euro.

L’attività del Centro benessere è intrapresa a seguito di dichiarazione d’inizio d’attività inviata al Comune nel cui territorio è ubicata la struttura. Qualora nel Centro benessere sia previsto l’esercizio di attività cliniche ambulatoriali, queste non potranno avere inizio se non ad avvenuto conseguimento della relativa specifica autorizzazione sanitaria.