Energie rinnovabili in Albania

Domanda

Avrei intenzione di costituire una società italo-albanese in Albania per lo smaltimento di escrementi di polli e la produzione di energia elettrica. Da indagini effettuate, l'impianto per lo smaltimento degli escrementi, da solo non porterebbe utili soddisfacenti, ma bisognerebbe aggiungere la filiera completa cioè la trasformazione dei sottoprodotti di origine animali, scarti, ossa, etc. Importo stimato dell’investimento: tra i 5 e 6 milioni di euro. Marco.

Risposta

Dunque Marco, devi sapere che l'Albania, in quanto paese candidato all'adesione all’UE, ha la necessità di adeguare il proprio quadro regolamentare e legislativo. Sono in corso di approvazione da parte del Parlamento Albanese due proposte di legge del Governo su "energie rinnovabili" ed "efficienza energetica". L'obiettivo dichiarato è quello di incentivare la produzione di elettricità da fonti rinnovabili ed attrarre investimenti esteri.

In particolare è prevista la creazione di un "fondo per le energie rinnovabili" che avrà la funzione di sostenere i progetti nel settore (dagli studi di fattibilità agli investimenti).

Nell'attesa potresti ricorrere, ad esempio, al Fondo rotativo Start-up, che prevede una partecipazione societaria nell'impresa di nuova costituzione che promuove progetti di internazionalizzazione in Paesi al di fuori dell'Unione Europea (l'Albania è inclusa).

L'importo della partecipazione non può essere superiore a 200.000 euro per singola iniziativa (massimo 49% del capitale sociale) e la durata

è da 2 a 4 anni.

Ti segnaliamo, inoltre, Eco Innovazione, un programma gestito dalla Commissione europea che sostiene finanziariamente progetti pilota e di prima applicazione commerciale che, in modo sinergico, riducano l'impatto ambientale e contribuiscano a un utilizzo minore e più efficiente delle risorse naturali, compresa l'energia (attenzione, il programma non finanzia progetti di ricerca).

Il valore medio del co-finanziamento europeo, per un singolo progetto, è di circa 800 mila euro. In ogni caso, non potrà superare il 50% dei costi totali ammissibili del progetto.

Infine ti segnaliamo il Programma Energia Intelligente – Europa (IEE) che sostiene, tra le altre, azioni nel settore delle fonti di energia nuove e rinnovabili (ALTENER). Le spese ammissibili riguardano i costi del personale, spese per infrastrutture pilota, spese per disseminazione e valorizzazione, acquisto e noleggio di attrezzature, costi generali. Il contributo concesso è pari al 75% del totale dei costi ammissibili. Attenzione però: ogni proposta deve essere presentata da un partenariato costituito da almeno tre soggetti giuridici indipendenti, ciascuno con sede in un paese ammissibile diverso (3 organizzazioni partner di 3 diversi paesi ammissibili).

Per concludere, un consiglio: esistono innumerevoli esperienze realizzate in precedenza e che hanno goduto anche del sostegno di fondi europei. Sarebbe pertanto importante analizzare lo stato dell'arte e capire come il progetto imprenditoriale proposto possa capitalizzarne i risultati.

Link utili:
- Simest
- Europa environment
- Europa energy

Tags
produzione energia escrementi animali albania riduzione impatto ambientale altener energia intelligente europa eie efficienza energetica energie rinnovabili biomasse eco innovazione

Leggi anche