Erasmus + - Autorità nazionali per l'apprendistato

Nell'ambito del programma Erasmus +, la Commissione Europea ha pubblicato un nuovo invito a presentare proposte che ha l'obiettivo di sostenere l'introduzione o la modernizzazione degli apprendistati all’interno dei sistemi iniziali di istruzione e formazione professionale (IFP).

Chi può partecipare

Possono partecipare al bando le autorità nazionali responsabili dei sistemi di apprendistato integrati nei sistemi iniziali di IFP in ogni paese aderente al programma Erasmus +.
I richiedenti devono unirsi in partenariati composti da almeno due soggetti da due paesi diversi, che abbiano come coordinatore un’autorità nazionale o un’organizzazione designata dall’autorità nazionale responsabile dell’IFP stabilito in un paese partecipante al programma.
I co-richiedenti ammissibili possono essere ministeri e altre parti interessate, tra cui parti sociali, imprese, camere di commercio, erogatori di IFP, ecc..

Azioni ammissibili

I progetti devono prevedere attività che siano collegate con le riforme (in corso o pianificate) volte alla costituzione o al rafforzamento di schemi di apprendistato solidamente inquadrate ad esse che coinvolgano le parti interessate a livello nazionale.
Sono considerate ammissibili le seguenti tipologie di attività:

  • revisioni di progetti legislativi nazionali, studi di fattibilità (anche per settori pilota da coinvolgere nel programma di apprendistato), analisi costi/benefici;
  • piani d’azione dettagliati per l’elaborazione e l’attuazione di riforme dei sistemi di apprendistato;
  • valutazioni di schemi pilota e progettazione di metodologie di valutazione, compresi gli indicatori di qualità;
  • organizzazione e/o partecipazione a conferenze, seminari e gruppi di lavoro;
  • attività di formazione, compresa una strategia per formatori aziendali interni;
  • campagne di sensibilizzazione, azioni di valoriz...

Continua...
Clausola di esclusione di responsabilità

"Finanzia la tua idea" non si assume alcuna responsabilità per imprecisioni, incompletezze o errori delle informazioni pubblicate nella sezione "Bandi". Pertanto fanno fede unicamente i testi pubblicati sulle gazzette ufficiali nazionale e comunitaria.