erasmus giovani imprenditori

L'Erasmus per gli imprenditori europei

Se state pensando ad una vostra impresa o l’avete costituita da poco o se siete alla ricerca di nuove idee e mercati, allora l’Erasmus per Giovani Imprenditori è il programma che fa per voi. Si tratta di uno scambio europeo che offre ai nuovi imprenditori o aspiranti tali, l’opportunità di imparare i segreti del mestiere da professionisti già affermati che gestiscono piccole o medie imprese in un altro paese dell’Unione.

Lo scambio di esperienze avviene nell’ambito di un periodo di lavoro presso la sede dell’imprenditore esperto, il quale aiuta il suo ospite ad acquisire le competenze necessarie a gestire una piccola impresa. L’imprenditore ospitante ha l’occasione di considerare la propria attività sotto nuovi punti di vista, collaborare con partner stranieri e informarsi circa nuovi mercati. Il soggiorno è cofinanziato dall’Unione europea.

Chi è il nuovo imprenditore

Potete prendere parte al programma come nuovo imprenditore se siete seriamente intenzionati ad avviare una vostra attività sulla base di un solido progetto imprenditoriale o se avete costituito un’impresa nell’arco degli ultimi 3 anni. La futura impresa o attività può operare in qualsiasi settore. Non sono previsti limiti di età.

Altri requisiti che dovete soddisfare sono i seguenti:

  • risiedere stabilmente in uno dei paesi partecipanti al programma;
  • avere un’idea o un progetto imprenditoriale concreto, dettagliato in un piano d’impresa;
  • essere disposti a collaborare con un imprenditore esperto di un altro paese partecipante;
  • essere pronti e motivati a contribuire allo sviluppo dell’attività dell’imprenditore ospitante mettendo a disposizione le proprie competenze e abilità;
  • essere disposti a integrare il finanziamento offerto dal programma per coprire i costi del soggiorno all’estero.

L'imprenditore ospitante

Potete prendere parte al programma come imprenditore ospitante se:
  • risiedete stabilmente in uno dei paesi partecipanti al programma;
  • avete la titolarità-responsabilità di una piccola o media impresa, oppure siete una persona direttamente coinvolta nell’attività imprenditoriale come membro del consiglio di amministrazione di una PMI;
  • gestite un’impresa da diversi anni;
  • desiderate condividere le vostre conoscenze ed esperienze con un nuovo imprenditore ed essere il suo mentore.

Il centro di contatto

L'Erasmus per Giovani Imprenditori prevede come interlocutore principale un centro di contatto locale, cioè un'organizzazione selezionata dalla Commissione europea per fornire assistenza nelle varie fasi dello scambio: dalla compilazione della domanda di partecipazione all'individuazione di un partner idoneo, fino alla formazione preparatoria all'esperienza. 

È consigliabile scegliere un centro di contatto attivo nella regione o nel paese di residenza. In alternativa è possibile indicare un centro di contatto situato in un paese europeo a vostra scelta.

Erasmus per giovani imprenditori: i contributi

Il programma offre ai nuovi imprenditori un sostegno finanziario che contribuisce a coprire i costi di viaggio e di soggiorno. La sovvenzione viene pagata dal centro di contatto locale, scelto dal beneficiario stesso (occorre specificarne l’identità nella candidatura on-line). Il nuovo imprenditore e il centro di contatto locale firmano un accordo che definisce l’importo del finanziamento assegnato per il soggiorno all’estero e le modalità pratiche di erogazione (ad es. acconto all’inizio dello scambio, pagamenti mensili, ecc.). L’aiuto finanziario è calcolato su base mensile e riflette il costo della vita del paese di destinazione. Si va dai 530 euro mensili previsti per l'Albania ai 1.100 euro. Per imprenditori con disabilità il contributo mensile è pari a 1.100 euro, indipendentemente dal paese di destinazione.

Uno sguardo ai risultati

L'ultimo rapporto disponibile sull'attuazione del programma certifica un successo crescente. Dopo 5 anni di esistenza, sono stati realizzati quasi 3.279 scambi, con il coinvolgimento di 6.558 imprenditori, nuovi ed esperti. L'Italia è il paese più rappresentato con 850 nuovi imprenditori in partenza per un altro paese,  seguono poi Spagna, Romania, Polonia e Germania. Le destinazioni più popolari tra i nuovi imprenditori sono la Spagna (prima con 534 imprenditori accolti), Italia, Regno Unito, Germania e Belgio.

I dati mostrano come la partecipazione al programma rinforzi l'atteggiamento e le doti imprenditoriali degli individui contribuendo direttamente alla creazione di nuove imprese, con più di un terzo degli aspiranti imprenditori che ha realmente avviato una propria impresa dopo lo scambio.

Inoltre, il 61% dei nuovi imprenditori e il 54% degli imprenditori ospitanti dichiarano di aver aumentato il loro fatturato dopo aver partecipato al programma. Infine le imprese di nuova costituzione dimostrano tassi di sopravvivenza sensibilmente più elevati rispetto alle media delle PMI  europee, mentre il 60% degli imprenditori ospitanti ha acquisito nuove idee acquisite o tecniche, alcune delle quali sfociate in nuovi prodotti o servizi.

Guida  alla partecipazione

I neo-imprenditori e i professionisti già affermati che intendono partecipare al programma di scambio per imprenditori devono fare domanda attraverso uno strumento di iscrizione disponibile on-line.

Ecco i passaggi da compiere.

  1. Preparate i documenti necessari alla candidatura: curriculum vitae, lettera di motivazioni e, se siete un nuovo imprenditore, un progetto d’impresa.
  2. Compilate il formulario on-line e presentate il CV e l'eventuale progetto d’impresa.
  3. Avviate un rapporto con un nuovo imprenditore o con un imprenditore ospitante indicando al centro di contatto locale un imprenditore – nuovo o ospitante – con cui siete già in contatto, o consultando il catalogo on-line per cercare un partner adeguato tra gli imprenditori nuovi e ospitanti iscritti.
  4. Concordate con il partner – imprenditore nuovo o ospitante – un progetto di lavoro e apprendimento (date, obiettivi e programma di attività dello scambio) tenendo conto che lo scambio potrà durare da 1 a 6 mesi ed essere suddiviso in intervalli di una settimana (l’esperienza, tuttavia, dovrà concludersi entro un massimo di 12 mesi).
  5. Presentate il progetto di scambio al centro di contatto locale.
  6. Firmate il documento sull’Impegno per la qualità e, se siete un nuovo imprenditore dovete, inoltre, sottoscrivere un accordo di finanziamento con il centro di contatto locale.
  7. Avviate il soggiorno all’estero: l’aiuto finanziario al nuovo imprenditore viene erogato in più pagamenti, secondo quando definito nell’accordo sottoscritto con il centro di contatto locale.

Tutte le informazioni per partecipare su http://www.erasmus-entrepreneurs.eu/.