http://www.sxc.hu/browse.phtml?f=view&id=554898

FAQ sui finanziamenti per la creazione d'impresa

In un precedente articolo ti abbiamo parlato di SELFIEmployment, uno strumento gestito da Invitalia nell’ambito del Programma Garanzia Giovani, che finanzia con prestiti a tasso zero l'avvio di piccole iniziative imprenditoriali, promosse da giovani NEET. Restando sul tema dei finanziamenti per la creazione d'impresa, abbiamo pensato di raccogliere in questo articolo le risposte degli esperti alle domande che ci sono state poste dai nostri utenti.

Quali agevolazioni per le nuove imprese

D. A quante e quali leggi è possibile effettivamente accedere per l’avvio di una nuova impresa ?

R. E’ difficile quantificare il numero delle agevolazioni disponibili. Per avere una cognizione delle opportunità disponibili è più utile ragionare in funzione degli obiettivi che questi strumenti legislativi si pongono. Possiamo allora affermare che in generale esistono, a livello nazionale e regionale, incentivi per la creazione di imprese: da parte di giovani disoccupati, di donne, di altri soggetti in situazione di disagio occupazionale (lavoratori in mobilità, disoccupati over 50), orientate all'innovazione, localizzate in aree particolari (aree di crisi, aree rurali, …).

Stage e stato di disoccupazione

D. Molti bandi di finanziamento per la creazione di nuove imprese, prevedono quasi sempre, tra i requisiti soggettivi dei proponenti, quello di essere disoccupati. Se si partecipa ad uno stage in azienda, si rischia di perdere la possibilità di presentare la domanda di accesso alle agevolazioni?

R. Stage e tirocini non si configurano come rapporti di lavoro, essendo percorsi finalizzati alla ricerca del lavoro. Non si pregiudica pertanto lo status di disoccupato.

Parco Avventura

D. Abbiamo intenzione (giovani in coop) di realizzare una parco avventura in foresta umbra (parco nazionale del Gargano) con percorsi in altezza e giochi sospesi tra gli alberi, passerelle, e ponti tibetani, tunnel tirolesi, ecc… Investimento previsto circa 50.000 euro. Stiamo verificando la possibilità con gli enti di avere in concessione il terreno boschivo. A chi potremmo rivolgerci per un finanziamento?

R. Una interessante opportunità è offerta dal bando "PIN - Pugliesi Innovativi: finanziamenti a fondo perduto per i giovani imprenditori". Aperto fino al 2020, offre un contributo finanziario a fondo perduto, variabile tra 10 mila e 30 mila euro a progetto, per coprire gli investimenti e le spese di gestione del primo anno. I gruppi informali per accedere al finanziamento dovranno, però, costituirsi in soggetto giuridico iscritto al Registro delle Imprese. A questo budget se ne aggiunge un altro, fino a un massimo 10 mila euro, per accedere a servizi di supporto e rafforzamento delle competenze: prestazioni professionali specialistiche, workshop tecnici, affiancamento di imprenditori senior, visite aziendali.

Parco animali domestici

D. Sono imprenditore agricolo ma ho 43 anni,vorrei realizzare un parco animali domestici nella mia proprietà. Dove posso reperire i fondi, a chi invece, posso presentare il progetto? Sono in Puglia, grazie.

R. L’idea imprenditoriale può trovare opportunità di finanziamento nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Puglia. In particolare:

a) attraverso l’imprenditore agricolo può realizzare interventi volti a qualificare ed accrescere l’offerta di attività didattiche ricreative e socio-assistenziali ottenendo un contributo  delle spese per investimenti materiali e spese generali;
b) è possibile avviare una microimpresa non agricola (con priorità se promossa da giovani e/o donne) che offra servizi alla popolazione locale e per il tempo libero.

Se invece vi è la possibilità di sviluppare una partnership con enti locali, questi ultimi possono beneficiare di contributi del PSR per offrire servizi di utilità sociale, a carattere innovativo, riguardanti l’integrazione e l’inclusione sociale soprattutto per le persone anziane e disabili, attraverso l’erogazione di prestazioni di terapia assistita (pet therapy, horticultural therapy, agroterapia, arteterapia, ippoterapia) e altri servizi innovativi finalizzati in tal senso.