Idee innovative, l'UE ti premia

Ventimila euro per un'innovazione sociale che può valerne milioni

A cura della redazione

In Europa la disoccupazione è alle stelle, i disoccupati sono più di 25 milioni e a questi, si aggiungono coloro destinati a lavori sottopagati, che vedono ben poche possibilità di cambiamento, a volte per motivi di genere, età o a causa di un handicap. Attraverso il "Concorso per l'innovazione sociale" organizzato dalla Commissione europea, Bruxelles risponde a questo allarme affidandosi al talento dei cittadini, al fine di innovare le imprese con un occhio di riguardo alla società.

Il concorso invita gli europei a proporre soluzioni che creino nuove opportunità di lavoro e un lavoro migliore, proprio perché non si può rimanere inermi di fronte al problema della disoccupazione e della sottoccupazione, un vero spreco di risorse.

Lo scopo dell'iniziativa è stato quello di individuare le migliori soluzioni di innovazione sociale per aiutare le persone a trovare lavoro o a riorientare la loro carriera. Chi ne ha intuito la formula imbattibile, l’ha suggerita all'Ue che ha selezionato le migliori iniziative, pagando un assegno per favorirne la realizzazione.

Il 29 maggio 2013, il Presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Barroso, ha premiato le tre idee migliori al "Concorso per l'innovazione sociale". Troppo tardi per partecipare? Non preoccupatevi, sulla scia di questa iniziativa, l’Ue lancerà a breve una nuova edizione del concorso per voi. Intanto, prendete appunti e spunti: ecco i tre innovatori sociali che hanno vinto.

Success Breeds Success" di Community Catalysts (Regno Unito). L’idea è di mettere in collegamento le competenze di aziende e di comunità per creare microimprese che possono essere offerte da una vasta gamma di persone, compresi i disabili e gli anziani, nonché le persone che si prendono cura di familiari. Community Catalysts intende ampliare la propria portata avvalendosi di un’assistenza

virtuale al sostegno degli imprenditori della comunità, in tutto il Regno Unito. Tale idea vincente propone inoltre di sviluppare un sistema di credito di tempo al fine di garantire che la consulenza gratuita sia valutata e utilizzata opportunamente, mobilitando ulteriori capacità di volontariato.

"Economy App" (Germania). Questa proposta intende fornire alle persone con scarse possibilità economiche un accesso agevolato al mercato del lavoro rendendo ampiamente visibili le loro competenze. La "Economy App" raccoglie dagli utenti informazioni su ciò che essi possono offrire a livello di economia locale. Si può trattare di qualsiasi attività, dal formaggio fatto in casa, al car pooling, all'assistenza informatica oppure di qualsiasi altro prodotto o servizio che possa essere ragionevolmente fornito a domicilio o in un piccolo contesto aziendale. Questa App raccoglie dagli utenti anche informazioni relative alle loro necessità economiche; ciò avviene attraverso la registrazione dell'interesse degli utenti per offerte che altri hanno inserito.

Il software registra il valore dei prodotti e dei servizi forniti e accettati per ogni soggetto della rete economica; in tal modo non sono necessari trasferimenti di denaro. Questo tipo di attività economica non presenta limitazioni di liquidità e di solvenza personali e quindi può funzionare anche per chi non dispone di risorse finanziarie.

L'applicazione intende fornire lavori retribuiti a tutti i soggetti partecipanti e generare entrate sufficienti a migliorare le loro condizioni di vita. Più ampia sarà la rete di partecipanti che la utilizzano, maggiore sarà la sua utilità.

"MITWIN.NET" (Spagna) è una rete professionale intergenerazionale concepita per agevolare il contatto tra persone al fine di condividere un posto di lavoro e le relative conoscenze, con l'obiettivo principale di ridurre l'elevato tasso di disoccupazione giovanile. MITWIN.NET propone ai lavoratori più anziani di condividere un lavoro con i giovani consentendo a chi si avvicina alla pensione di trasmettere le proprie conoscenze a chi si sta inserendo nel mercato del lavoro.

Per saperne di più.

Tags
nuove opportunità lavoro idee innovative innovazione sociale disoccupazione

Leggi anche