Il business del guardaroba personalizzato

“Oggi ti vesto io” è il diktat del momento, che spopola tra i e-market, shop-online e piazze italiane

A cura di Jenny Pacini

Il business del 2013: personalizzare con loghi, immagini, scritte d’effetto e tanta creatività t-shirt, borse, felpe, leggings, cravatte, bikini e persino l’intimo. Insomma, tutti gli abiti del guardaroba possono essere solo e soltanto tuoi, in una parola, unici.

Sono tanti gli italiani che lo hanno intuito, cimentandosi con successo in produzioni proprie del tutto originali. Tanto per fare un esempio, Marco Bruns, l’ideatore di A-Style ha venduto ben 15mila T-shirt particolarissime, dopo aver cosparso Pitti Uomo con 4 milioni di coriandoli su cui era impresso il suo logo. Igor Salmi, fondatore di Straitjacket, ha creato la sua prima linea di magliette con i nomi dei quartieri di Milano. “The Babbionz” un collettivo di ragazze nato in una provincia adriatica, si fa conoscere in Italia dipingendo, cucendo, tricottando e ricamando gli abiti, in stile “nonna”, assecondando il tuo

gusto personale.

Dunque, per “farcela” in un settore del genere, bisogna avere sì la stoffa dell’imprenditore ma soprattutto del creativo, proponendo un prodotto che funzioni, originale ed unico, per poi lanciarlo sul mercato attraverso una buona rete commerciale e distributiva. Eccovi qualche dritta.

Stampare

Se non sei particolarmente portato per l’hand made e preferisci semplificarti le cose e se disponi di un budget basso, punta sulla grafica e stampa su un capo di abbigliamento a tuo piacimento (gonne, leggings e soprattutto felpe e t-shirt). Sono davvero tantissimi i fornitori che realizzano stampe personalizzate, anche su piccoli quantitativi.

Per chi dispone di un budget più importante, si consiglia la stampa serigrafica, quella con una superiore resistenza ai lavaggi nonché la più utilizzata nel settore moda. Per stampare in serigrafia occorre produrre i cosiddetti “impianti di stampa”, che costano circa 25 euro per ogni colore che si decide di usare, e questo ovviamente incide sul costo unitario dei capi da stampare. Per piccole tirature la stampa più consigliata è quella digitale, in cui i disegni vengono prima stampati su una pellicola sottile e poi fusi nel tessuto.

Tags
guardaroba personalizzato cappelli bikini stampa magliette cravatte disegnare leggings decorare felpe hand made borse t-shirt