Produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili in aziende agricole: finanziamenti in Sicilia

Titolo

Azione B - “Produzione di energia da fonti rinnovabili”

Area geografica
Sicilia

Tipo finanziamento
Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013

Scadenza
22/05/2012 SCADUTO

Descrizione

Obiettivi

Consolidare l’occupazione nelle aree rurali e creare nuovi posti di lavoro attraverso forme di diversificazione delle attività aziendali verso finalità agroenergetiche, sostenendo lo sviluppo di attività non agricole ad integrazione del reddito dell’imprenditore agricolo e/o della sua famiglia, attribuendo particolare rilevanza alla produzione e vendita di energia da fonti rinnovabili.

Interventi ammissibili

Gli interventi ammissibili riguardano:

  • Impianti di raccolta, cippatura, pellettizzazione e stoccaggio di biomasse agro-forestali.
  • Centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets (aventi potenza massima di 1 MW elettrico).
  • Impianti per la produzione di biogas dai quali ricavare energia elettrica o termica (aventi potenza massima di 1 MW elettrico).
  • Piccoli impianti di produzione e stoccaggio di bio-combustibili (olio grezzo e/o biodiesel).
  • Impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (fotovoltaico e minieolico) aventi potenza massima di 100 KWe; non si potranno realizzare impianti fotovoltaici a terra;
  • Impianti ausiliari finalizzati alla realizzazione delle tipologie previste ai punti precedenti e impianti di co-generazione per la produzione combinata di elettricità e calore;
  • Realizzazione e/o adeguamento di volumi tecnici e strutture necessari all’attività e di quanto necessario all’allacciamento alle linee elettriche. 
Tutti gli impianti dovranno essere realizzati all’interno dell’azienda agricola. L’investimento dovrà essere mantenuto per un periodo di almeno cinque anni.

Aree territoriali di riferimento

L’azienda agricola nella quale si intende realizzare gli interventi deve avere sede legale e ricadere prevalentemente nelle macro-aree C e D così come definite nel PSR Sicilia 2007-2013. L’aiuto non potrà comunque riguardare interventi realizzati nella parte di azienda ricadente al di fuori delle aree C e D. Gli investimenti nelle aree Natura 2000 saranno sottoposti a valutazione di incidenza ambientale.

Destinatari

Imprenditori agricoli singoli o associati, membri della famiglia agricola, singoli o associati (dove per famiglia agricola si intende l’insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela entro il terzo grado, affinità entro il secondo grado, adozione e tutela, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune).

Nel caso di richiedente diverso dall’imprenditore agricolo, l’avvio della nuova attività potrà comportare:

  • La nascita di una nuova impresa, con apertura di partita IVA ed iscrizione alla Camera di Commercio; 
  • Il consolidamento di una impresa agricola già esistente che intende avviare la nuova attività. In entrambi i casi la nuova attività dovrà essere insediata all’interno dell’azienda agricola. 


Spese ammissibili

  • Realizzazione di impianti di raccolta, cippatura, pellettizzazione e stoccaggio di biomasse agro-forestali.
  • Realizzazione di centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets (aventi potenza massima di 1 MW elettrico).
  • Realizzazione di impianti per la produzione di biogas dai quali ricavare energia elettrica o termica (aventi potenza massima di 1 MW elettrico). 
  • Realizzazione di piccoli impianti di produzione e stoccaggio di bio-combustibili (olio grezzo e/o biodiesel).
  • Realizzazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (fotovoltaico e minieolico) aventi potenza massima di 100 KWe; non si potranno realizzare impianti fotovoltaici a terra;
  • Realizzazione di impianti ausiliari finalizzati alla realizzazione delle tipologie previste ai punti precedenti e impianti di co-generazione per la produzione combinata di elettricità e calore;
  • Realizzazione e/o adeguamento di volumi tecnici e strutture necessari all’attività e di quanto necessario all’allacciamento alle linee elettriche. 
  • Spese generali: onorari professionisti e consulenti, ricerche di mercato, studi di fattibilità, acquisizione di brevetti e licenze; 
  • Interessi passivi, solo nel caso in cui l’aiuto sarà erogato in forma diversa da quella in conto capitale;
  • IVA nel caso in cui la stessa non sia recuperabile e realmente e definitivamente sostenuta da beneficiari;
  • Spese bancarie per la tenuta di un c/c appositamente aperto e dedicato all’investimento spese per garanzie fidejussorie, nonché per l’acquisizione di autorizzazioni, pareri e nulla-osta. 

Soglie e massimali di spesa

Spese generali nel limite del 12% delle spese ammissibili al netto di IVA.

Intensità di aiuto

Il sostegno è concesso ai sensi del Regolamento CE 1998/2006 della Commissione, relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di importanza minore (de minimis). In tal caso l’importo dell’aiuto concesso ad una medesima impresa non può superare i 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari con un intensità di aiuto pari al 75%. Qualora il beneficiario intenda richiedere l’accesso alle incentivazioni nazionali relative alla produzione di energia da fonti rinnovabili (conto energia, tariffa omnicomprensiva), dovrà essere assicurato il rispetto e la conformità alla normativa vigente in materia, con particolare riferimento ai livelli contributivi concedibili per la realizzazione dei relativi impianti, cumulabili con le predette incentivazioni/sovvenzioni nazionali. L’investimento dovrà essere mantenuto per un periodo di almeno cinque anni.

Documento allegato
Download: Bando 311 Azione B PSR Sicilia

Tags
biodiesel minieolico biocombustibile biomasse fotovoltaico