Recuperare trulli in rovina

Domanda

Salve a tutti, sono una donna di 37 anni, disoccupata e vi scrivo dalla provincia di Lecce.Sto per ereditare dai miei un terreno con dei trulli in rovina, un muro a secco di recinzione, fatiscente, che dista dal mare circa 500m. Vorrei recuperarli e restaurarli per realizzare un B&B o, meglio, qualcosa che rientri nell’ambito di “ Strutture ricettive extralberghiere”. Vi chiedo se esistono fondi per il recupero e il restauro di questo patrimonio, per fare del turismo. Avrei dunque l'esigenza di essere affiancata sia nell'individuazione del progetto più idoneo per ottenere dei finanziamenti che nell’espletamento burocratico della pratica. Da dove dovrei iniziare? A chi mi dovrei rivolgere? Io sono residente a Bari, ma il terreno è nel Salento. Grazie . Cordiali saluti.

Risposta

Un primo aspetto che consiglio di approfondire è a quale tipologia di struttura ricettiva extralberghiera intende conformarsi. E’ pertanto importante prendere visione della normativa di riferimento in regione Puglia e prevedere un progetto di recupero coerente con le disposizioni legislative vigenti. Poi, presumendo che la sua proprietà sia ubicata in un’area rurale della provincia di Lecce, una opportunità di finanziamento potrebbe essere rappresentata dalle risorse messe a disposizione

dai Gruppi di Azione Locale(GAL), responsabili dell’attuazione dell’Asse IV (approccio Leader) del piano di sviluppo rurale della regione Puglia. I GAL mettono a bando risorse finanziarie per l’incentivazione di attività turistiche, la tutela e riqualificazione del patrimonio rurale, la creazione di nuove imprese e la diversificazione in attività non agricole. Si tratta quindi di diverse linee di finanziamento tra le quali potrebbe trovare collocazione la sua proposta di realizzazione di una struttura ricettiva extralberghiera e recupero dei muretti a secco. Tenga conto che i finanziamenti coprono solo una parte del budget di progetto (normalmente il 50%) e che quindi è necessario disporre di mezzi propri per coprire la quota di investimento non coperta dall’agevolazione.

Per iniziare sarà utile prendere contatto direttamente con le strutture dei GAL operanti in provincia di Lecce. Di seguito gli indirizzi utili.
- GAL Capo Santa Maria di Leuca - 73039 Tricase (LE) – tel/fax 0833545312, 0833545313 - email gal@galcapodileuca.it - sito: www.galcapodileuca.it
- GAL Isola Salento - 73029 Vernole (LE) – tel/fax 0836574428, 0836/574600 - email info@isolasalento.org - sito: www.isolasalento.org
- GAL Serre Salentine - 73055 Racale (LE) – tel/fax 0833558786, 0833558786 - email info@galserresalentine.it - sito: www.galserresalentine.it
- GAL Terra d'Arneo - 73010 Veglie (LE) – tel/fax 0832970574, 0832970574 - email gal@terradarneo.it - sito: www.terradarneo.it
- GAL Terra d'Otranto - 73028 Otranto (LE) – tel/fax 0836871111, 08361950316 - email info@galterradotranto.it - sito: www.galterradotranto.it.
- GAL Valle della Cupa - 73019 Trepuzzi (LE) – tel/fax 0832755392, 0832205377 - email info@valledellacupa.it - sito: www.valledellacupa.it

Tags
piano sviluppo rurale incentivazione attività turistiche leader lecce diversificazione attività non agricole struttura ricettiva extralberghiera riqualificazione patrimonio rurale recupero trulli gal psr Puglia sviluppo rurale